La nevicata rosa e la Gazzetta dello Sport


Anche la seconda fase si è compiuta e una parte di Italia ha fatto conoscenze con la creatività e la stravaganza del guerrilla marketing. Dietro quel teaser si nascondeva la Gazzetta dello Sport, un lento ma inesorabile grido iniziava a sollevarsi tra i presenti che riconoscevano il burattinaio dell’opera.

L’agenzia artefice di questa suggestiva e ben riuscita azione é G-Com, già conosciuta su questa sede per la campagna pro kenwood dell’auto bruciata. Via ai video, dove potrete vedere la grandezza di questa realizzazione e la reazione incredula e divertita dei passanti. Tra breve un post con una buona galleria fotografica dell’evento.






11 Commento/i

  1. Dove sarebbe la buona riuscita (tralasciando lo spreco di carta), a parte il fatto che - ovviamente - siccome io ora ne sto parlando sia riuscita nel suo scopo di eccetera?

    alfb | 16 Mar 2008 | Replica

  2. Eccone un’altro che non legge prima di commentare…evabbé ALFB, peccato, il tuo blog era pure interessante. Anche io boicotto le Olimpiadi cinesi.

    Bejing08 | 16 Mar 2008 | Replica

  3. Ciao alfb, la buona riuscita dell’azione è riscontrabile da una serie di fattori, innanzitutto il ricordo spontaneo con l’associazione di marca, io che ero presente all’evento sentivo molte persone che dicevano “si si stanno facendo la pubblicità in televisione”. Le persone parlavano tra di loro e domandavano continuamente.

    Altro elemento riguarda l’interazione molto favorevole tra il pubblico e la carta rosa, bambini che giocavano impazziti, coppie che si facevano fotografare sotto la nevicata rosa, ed altri che aspettavano divertiti l’arrivo di un’altra nevicata. Questo per quanto riguarda l’evento in sè.

    Per quanto riguarda la buona riuscita dell’azione in termini di copertura mediatica, beh io credo che molti blog riprenderanno la notizia, aspettando, ovviamente quello che faranno le varie testate giornalistiche. ciao

    fables | 16 Mar 2008 | Replica

  4. ciao a tutti, sapevo sapevo che erano loro.. il rosa e il nero … poi la campagna TV partita prima (1 settimana?) che forse ha tolto un pò di mistero…
    Sentite un dubbio “strategico”; per me la comunicazione è sempre ok, più si comunica meglio è, ma una persona che lavora in un altro ambito mi ha detto, vedendo lo spot, “la Gazzetta è l’unica azienda che non penso abbia bisogno di fare pubblicità”, inteso come brand marketing e non promozione di questa o quella uscita… in effetti se fanno una campagna di marketing c’è in corso un rebranding… spero di si perchè come romanista ho sempre avuto un rapporto di (reciproca) ostilità con la testata….

    Marco Ciaccia | 16 Mar 2008 | Replica

  5. Molto divertnte, anche se è la prima cosa che veniva in mente da fare. Bravi, ma vi consiglio toni meno pretenziosi nei post ;)

    lettrice | 16 Mar 2008 | Replica

  6. Scommessa vinta…altro che macchina, canali di Sky…L’avevo detto che era la Gazzettta..!!!
    Voto sull’azione: 6+ .
    Buona giornata a tutti

    Kurt

    Kurt | 17 Mar 2008 | Replica

  7. Complimenti per l’iniziativa e per la sua risonanza che ha avuto.
    Davvero ottimo.
    Un abbraccio.

    Francesco | 18 Mar 2008 | Replica

  8. Grazie a tutti per i bei commenti che avete fatto. Grazie a Fables per essersi così “gasato” per questa azione!
    Grazie alla Gazzetta che ci ha creduto.

    Se avete domande o volete informazioni, potete scriverci agli indirizzi che trovate sul sito.
    E come qualcuno ha giustamente notato nonché come diceva Joe Rivetto, “the best has yet to come”… :)

    G-Com

    G-Com | 18 Mar 2008 | Replica

  9. Intendo dire questo: sicuramente l’episodio viene ricordato, ma ha un inizio e una fine, è isolato in un periodo. Molto più efficace è la campagna della palestra milanese, per esempio.

    Inoltre, e questo è forse il punto più importante. La pubblicità dovrebbe anche, in un certo senso, dare esempi positivi. Tutta quella carta per terra NON è un esempio positivo.

    Se fossimo a Stoccolma sarebbe solo carta per terra, e avrebbe un significato neutro, a Roma è ULTERIORE carta per terra.
    Non stai dando esplicitamente il “permesso” di buttare carta, ma non stai neanche facendo passare il principio di non buttarla.

    Chi vive in una città con dei giornali gratuiti mi può capire.

    Un po’ come per strada: a Londra puoi fare uno spot in cui uno guida senza cintura, in Italia non è il caso.

    alfb | 21 Mar 2008 | Replica

  10. ok, niente pretenziosità, solo qualche domanda di chiarificazione, ok? siete riusciti ad aumentare le copie vendute alle donne? grazie

    Marco Ciaccia | 28 Mag 2008 | Replica

  11. mi riferivo al commento di “lettrice”

    Marco Ciaccia | 28 Mag 2008 | Replica

4 Trackback(s)

  1. Mar 17, 2008: from Gazzetta dello Sport nevica in rosa anche a Milano e Roma : marketing
  2. Mar 18, 2008: from LA GAZZETTA DIETRO LE NUVOLE ROSE « marketing e comunicazione
  3. Mar 30, 2008: from Le carrozzine rosa | dontworrybecreative.it
  4. Apr 1, 2008: from LA GAZZETTA DIETRO LE NUVOLE ROSA « Metafore, Simboli, Corpi

Scrivi un commento